Paracadutismo Sportivo

Paracadutismo Sportivo (Skydiving)

Si è soliti lanciarsi da una quota compresa tra i 1.500 e i 4.500 metri, il paracadute viene generalmente aperto a una quota di 1.000 metri per i paracadutisti esperti e gli istruttori, mentre per gli allievi o i lanci in tandem la quota di apertura è di 1.500 metri. Il paracadutismo è uno sport molto complesso e come tale nel tempo ha fatto nascere molte discipline, alcune legate alla caduta libera, altre invece legate all’uso della vela. Le innovazioni tecnologiche hanno permesso un aumento delle possibilità del volo umano e della sperimentazione di nuovi materiali, come la tuta alare o le vele ellittiche performanti.

Cosa succede prima, durante e dopo un lancio?

Viene generalmente effettuato da un aereo, ma potrebbe essere anche fatto da un elicottero, da una mongolfiera o addirittura, come avviene nel TandemBASE da oggetti quali montagna, ponte, antenna.. La sicurezza è al primo posto in tutte le fasi: un buon livello di sicurezza si ottiene attraverso la conoscenza profonda delle attrezzature, delle tecniche utilizzate e dalla consapevolezza dei propri limiti. Grazie a questi importantissimi fattori si può poi affrontare l’esperienza del lancio godendone a pieno l’essenza in un clima di divertimento.

La pianificazione del lancio

Nella fase di pianificazione è necessario vengano effettuati diversi tipi di controlli: check-list dei materiali, verifica del paracadute, casco, altimetro, tuta, occhialini da lancio. Tutto l’equipaggiamento deve essere in perfette condizioni e correttamente indossato. Si procede verificando che le condizioni meteorologiche siano idonee all’attività e siano stabili per tutta la fase del lancio, dal decollo all’atterraggio, calcolando un periodo totale di circa 30 minuti. L’istruttore responsabile del decollo fa una riunione con i partecipanti al lancio definendo l’ordine di uscita dall’aereo in base alle condizioni del vento in quota e alle tipologie di lanci che verranno effettuati (formazione, freefly, corsi, tandem, tuta alare ecc…). Stabilisce inoltre le regole e la direzione per l’atterraggio.